Archivio tag: ispirazione

Decorazioni di Natale: il centrotavola

Un elemento che fa la differenza, il centrotavola a Natale non può mancare.

Le possibilità sono infinite e con i mercatini di Natale in ogni dove è possibile procurarsi facilmente l’occorrente.

Ci sono solo due o tre cose da tenere a mente: la prima è muoversi con un pochino di anticipo, a meno di utilizzare fiori freschi, è una cosa che si può prepare diversi giorni prima evitando di stressarsi ulteriormente nei giorni di festa, quindi scegliamo cosa realizzare e procuriamoci il materiale senza aspettare l’ultimo minuto, la seconda cosa è di progettarlo tenendo presente le dimensioni della nostra tavola. Un’ enorme decorazione su un tavolo mini sarebbe improponibile così come qualcosa di troppo piccolo si perderebbe su un tavolo grandissimo. E’ poi fondamentale che il centrotavola non sia troppo alto per evitare che i commensali siano impossibilitati a guardarsi e quindi a conversare.

Pochi elementi ben combinati possono dare risultati decisamente migliori di centrotavola eccessivamente elaborati e poi, realizzare dei progetti semplici ci permetterà di utilizzare materiale facilmente reperibile, magari che abbiamo addirittura in casa e potremo coinvolgere anche i più piccoli trasformando tutto in un gioco ed in una bella tradizione natalizia.

Non resta che scegliere il centrotavola che più ci piace e crearne la nostra personalissima versione.

Mettiamoci all’opera e buon divertimento!

La prima idea è quella di utilizzare un’alzatina e rubare qualche decoro all’albero di Natale o procurarci decori semplicissimi, saranno perfette palline, pigne, rametti di pino o di piante aromatiche, candele, nastri… un’idea tanto semplice quanto versatile da declinare in decine di colori e stili diversi.

alzatina1 alzatina2 alzatina3 alzatina4 2ede0b643ef32f5d35f3b01e5e949bd0 alzatina 6 alzatina5

Altrettanto semplice l’idea di inserire i decori in coppe, lanterne, vecchi stampi da dolce in alluminio o rame, vasi o barattoli di latta lasciati come sono o dopo averli dipinti oppure resi luccicanti con un pò di porporina.

5 7357908fb8f02f18962e8a18cb156953 5649114bb960b6da2f4c443ce28d4e25

Altra idea decorativa che gratifica anche l’olfatto è quella di usare le arance dopo averne intagliato la buccia con l’apposito pela agrumi oppure inserendo, sempre sulla buccia, dei chiodi di garofano. Il profumo sarà meraviglioso e tipicamente natalizio anche aggiungendo anice stellato e stecche di cannella. Per dare un tocco aromatico è importante limitarsi ad utilizzare solo spezie e frutta perchè una qualunque altra fragranza, come quella floreale, sicuramente non sarebbe gradevole a tavola.

SONY DSC 8 82d2b22a005cea61fbb14cd099c552d4 dd341421095451d00c8680e2494c2a4b edd49d84138a78fb52e087e398fa2265

Altra idea decorativa che gratifica anche l’olfatto è quella di usare le arance dopo averne intagliato la buccia con l’apposito pela agrumi oppure inserendo, sempre sulla buccia, dei chiodi di garofano. Il profumo sarà meraviglioso e tipicamente natalizio anche aggiungendo anice stellato e stecche di cannella. Per dare un tocco aromatico è importante limitarsi ad utilizzare solo spezie e frutta perchè una qualunque altra fragranza, come quella floreale, sicuramente non sarebbe gradevole a tavola.

4e799ecd66235cab1acc63ce5eb75696 9daf06c542a67f08ae510b3e65ef674e 38fe489267e6363ecc03723f354505ed http://nellyvintagehome.blogspot.com/2011/11/blog-post_06.html bb96cbeb44a7681f1359ad571b56fd8c e41c79702dcba8e2606cbf73b101a2cc ea627f95bd3d068944fa679863af7536 fe18c060933f61834a03ca1c4c5d1a91

Stesso discorso per le bottiglie e qualche candelabro dimenticato in un angolino o un gruppetto di vasetti anonimi, il tutto può riprendere vita con una semplice mano di vernice o porporina color oro.
43d8b2b80e7e62cc981a0a146a316236 e46c2759f7f9a4f4e1f30afaaccac726

In fine, se proprio non c’e’ modo di trovare lo spazio per un centrotavola da appoggio possiamo crearne uno sospeso usando del filo da pesca e palline che sembreranno magicamente sospese.

1 83e7550326947a5c59e94e5c9d196d4e

credit

Non saprei davvero cosa scegliere, e voi?

Spero condividerete sulla pagina Facebook di idecor anche le foto delle vostre tavole e prima di quelle qualche work in progress delle decorazioni, così come state facendo con i vostri magnifici alberi, ne sta venendo fuori un album bellissimo e vi ringrazio tanto.

Sabrina

altezza

Accogliente, fresco… Scandinavo!

Un appartamento che offre mille spunti pur essendo ordinato ed essenziale.

Amo questo stile che riesce ad essere dolce ed accogliente senza essere lezioso.

appartamento-scandinavo-mudroom

Un ingresso piccolino, ma grande abbastanza per un grande specchio a parete, senza fronzoli e cornici, che amplifica la luce e lo spazio.

appartamento-scandinavo-ingressoAncora all’ingresso un armadio a doghe bianche con una panca all’interno, un angolo studio  ed una finestra strategicamente contrapposta allo specchio dell’immagine precedente.

appartamento-scandinavo-home-office

Un dettaglio dell’angolo studio.

Sgabello e lampada cromati, tappeto a righe bianco e azzurro,  decorazioni sulla parete de piccolo scrittoio, un cesto di vimini e il davanzale della finestra che fa da mensola… serve altro?

Credo che il segreto di questi ambienti sia che c’è solo ciò che serve, non manca nulla tranne il superfluo. E’ questa la chiave per avere calore ma non disordine, senso di accoglienza, aria di casa ma anche ordine, pulizia, calma.

Quanto sono belle queste finestre? Tanto al punto di arredare, non hanno bisogno di altro che di un candido velo leggero come tenda.

small-living-room-blue-sofa-swedish-white-heirloom-apartment

Il salotto più che una stanza è un’area della zona giorno. Protagonista un divano rivestito in denim. Un tappeto multicolore fa da sfondo a due tavolini gemelli mentre una rientranza nella parete accoglie mensole ed un mobile contenitore.

appartamento-scandinavo-pranzo

La zona pranzo è costituita da un semplice tavolo e sedie in legno bianco, quello che mi affascina e mi conquista sono le porte e gli infissi esterni, bianchi e altissimi e i dettagli come i battiscopa, anch’essi bianchi e i profondi davanzali delle finestre che si prestano meravigliosamente  ad accogliere piantine ed oggetti vari.

Stupendo il pavimento in doghe verniciate di bianco spezzate da una doga trasversale punteggiata da piccoli led, che enfatizza la luce in un modo incredibile.

appartamento-scandinavo-cucina

La cucina è ad elle, bianca con accenti in acciaio come gli elettrodomestici, le maniglie e lo zoccolo dei mobili ed è riscaldata dal top in legno scuro. Un pannello in legno bianco la separa dal divano.

appartamento-scandinavo-bagno

Il bagno è l’unico ambiente a non avere il pavimento in legno. Qui la scelta è stata un linoleum azzurro girato sulle pareti a fare anche da battiscopa. Ritroviamo il bianco nel rivestimento delle pareti in piastrelle quadrate bianche. Bianchi anche i sanitari ed il mobiletto che, come in cucina, ha un top legno scuro. Un cesto in vimini e la tenda della doccia rendono questo ambiente accogliente e particolare pur nella sua estrema semplicità.

appartamento-scandinavo-letto

Ed ecco il pezzo forte, questa camera mi ha stregata. Bianco totale anche qui, ma il blu della testiera e la composizione sul muro, insieme ai cuscini sul letto mi danno una sensazione di calma e confort.

E come di consueto, dopo essermi persa, anche se solo virtualmente, in ambienti così ordinati e tranquilli, non posso fare a meno di guardarmi intorno e chiedermi se ho davvero bisogno di tutte le cose che mi circondano, se non c’e’ qualcosa che va riorganizzato meglio, se non conservo oggetti da qualche parte che valgono meno dello spazio che occupano. Ormai è un esercizio quotidiano, anche un piccolo gesto ogni giorno ha cambiato radicalmente l’aspetto della casa e mi sta decisamente semplificando la vita!

image credits

Sabrina

 африка сафари

Pensieri d’autunno.

Sto progettando, programmando e visualizzando l’appartamento ormai da mesi, mi è talmente familiare che potrei dire di viverci già.

Eppure di fronte ad ogni decisione mi sento totalmente impreparata.

autunno-ispirazione-colore

Ho “guardato” con più attenzione le immagini nella mia mente e mi sono resa conto che sono per lo più sensazioni, atmosfere, non vere e proprie fotografie di un ambiente.

E’ una situazione nuova.

I clienti che mi raccontano come vogliono casa hanno ben chiaro uno stile e spesso, all’inizio, sono convinti che per avere un buon risultato tutto dovrà essere “a tema”, altrimenti non raggiungeranno il loro intento.

autunno-ispirazione-colore

Col tempo (e non senza qualche resistenza iniziale) ci si rende conto che coordinare tende, coperte, cuscini e paralumi sarebbe insopportabile alla vista e priverebbe completamente l’ambiente di personalità, stesso discorso per cucine con temi vari che migrano, come stormi di oche selvatiche, dai tappeti, alle tovaglie, alle tende, alle piastrelle e così via.

autunno-ispirazione-coloreIl “tema”, che in principio rassicura, rendendo praticamente tutte le scelte obbligate, dopo un pò, non appena si assume un briciolo di competenza e di consapevolezza, viene visto come il male assoluto (quando questo succede l’architetto sa che sta facendo bene il suo lavoro!) ed è a questo punto che subentra il panico.

Esclusa l’opzione dei coordinati, del colore preferito ovunque, della riproduzione pedissequa di uno stile (dall’effetto stantio assicurato) ed esclusa l’opzione di ragionare solo sui singoli dettagli senza avere uno schema generale, cosa resta da fare?

autunno-ispirazione-colore

La chiave è interpretare.

Oggi ho fatto un esercizio che si è rivelato sorprendentemente utile.

Ho preso la macchina fotografica e ho cominciato a guardarmi intorno, in casa, fra le stanze e gli oggetti che vedo ogni giorno, con cui convivo da sempre, ma ho guardato con uno spirito diverso.

Tutti gli oggetti che ho accumulato negli ultimi anni, quelli presi fantasticando su come sarebbe stata la casa che li avrebbe accolti, quegli oggetti sono dei postit formidabili.

autunno-ispirazione-colore

Fotografavo una cornice ed ecco comparire nella mia mente il tavolino perfetto per il divano, inquadravo la mia collezione di tazze e in un attimo la parete dell’angolo colazione ha preso finalmente forma, tiravo fuori un set di candele da disporre accanto al mio portagioie e hanno preso vita i colori della camera da letto che mi rifiutavo di scegliere da settimane.

Pochi oggetti mi hanno regalato le risposte che cercavo da tanto tempo e so che sono quelle giuste perchè in quegli oggetti le avevo riposte ancor prima di formulare le domande.

autunno-ispirazione-colore

L’essenza di una casa risiede in chi la abita, non nelle pagine delle riviste patinate e un professionista bravo non è quello che progetta e realizza un’ambiente per il quale sarete sommersi di complimenti, ma quello vi accompagnerà nel percorso che vi porterà da quello che credete di desiderare a quello che volete davvero e saprete di averlo incontrato quando guardandovi intorno realizzerete che la vostra casa è completamente “vostra” e non sarebbe potuta essere in nessun altro modo.

autunno-ispirazione-colore

Forse non è un caso aver svoltato adesso, in Autunno.

Per me è la stagione più intima, più dolce, è il momento in cui, forse contrariamente ai più, riprendo fiato approfittando della tregua tra il caldo e il gelo, tra la luce accecante e il buio e mi godo il tepore e le luci soffuse della transizione.

Sabrina

 

 

 

 alteza safaris