Archivio tag: ingresso

L’ingresso

Da dove si comincia?

Non è una domanda retorica, ma quello che si chiedono tutti un attimo dopo aver deciso di ristrutturare la propria casa.

Si tratta di un processo complesso composto da molte fasi.

Prima di tutto è necessario disegnare la planimetria definendo la disposizione e la dimensione di ogni ambiente, tenendo presente che ci sono tanti elementi a cui badare perché il progetto sia funzionale.

Cominciamo quindi ad “entrare” nel nostro appartamento e nel vivo della questione, parliamo dell’ingresso.

 swedish-apartment-striped-rug-cococozy-small-space-entry-way-foyer-front-door-doorway-gustavian-gustave-upholstered-bench-striped-rug.jpg1. L’nconfondibile luminosità di un ingresso svedese

C’è chi lo considera uno spreco di spazio e chi lo considera indispensabile per salvaguardare l’intimità della casa. Credo che decidere se realizzarlo o meno sia una questione di buon senso, bisogna valutare quanto ci costa, in termini di vivibilità, rinunciare allo spazio necessario per realizzarlo e quanto è “intima” la visuale dalla porta del pianerottolo. Combinando questi due elementi riesco, il più delle volte, a fare scelte serenamente condivise dai miei clienti.

hollywood-glamour-decorating-tips-mueffling-1210-05-lgn2. Un blu profondo, un grande specchio e un ambiente con poca luce diventa speciale.

Negli appartamenti di lusso, di impianto classico, troviamo un ingresso di rappresentanza e uno di servizio. Anche avendo moltissimo spazio a disposizione, difficilmente oggi si tende a concedere a questa funzione così tanto spazio.

Questo ambiente serve sostanzialmente a due cose: ospitare quanto ci occorre prima di uscire di casa (ombrelli, cappotti, chiavi, uno specchio, ecc., ecc.) ed impedire una visuale troppo aperta sulla casa.

c06034c85fa99874aa1286799e1752c03. Colori caldi e ricchi con dettagli scintillanti.

Nel mio caso, vista l’esiguità dello spazio a disposizione, non ho previsto un ambiente dedicato, ma se anche avessi avuto un metraggio più abbondante, forse mi sarei limitata ad una barriera visiva più che fisica e sicuramente mi avrebbe fatto comodo inserire una cappottiera.

Voglio che chi sta entrando nella mia piccola casa, abbia una visuale profonda, che dia la sensazione di uno spazio ampio (forse “ampio” nel mio caso è decisamente ottimistico se non utopico!), non che si ritrovi un cubicolo buio. Se questo è il vostro caso, vi prego, rinunciate! Concentratevi piuttosto ad offrire alla vista di chi varca l’uscio un ambiente luminoso, avendo cura di conferire profondità alla stanza servendovi di un punto focale sulla parete contrapposta a quella della porta di ingresso.

Church-Hill-Foyer-Mirror4. Un colore fresco e deciso dona carattere anche ad un piccolo ambiente.

Il discorso cambia se si decide di dedicare la parte dalla casa più vicina alla porta d’ingresso alla zona notte, ad esempio perché è la meno luminosa. In questo caso trovo più che sensato rinunciare ad una bella visuale all’entrata e ripiegare su un piccolo disimpegno se questo ci permette di godere di una zona giorno più luminosa.

Ciò detto, se lo spazio non manca, via libera ad un bell’ingresso accogliente!

Evitiamo in ogni caso di farlo sembrare un anonimo angolino di passaggio: un armadio per i cappotti, un tavolino o una consolle dove riporre la posta e dove appoggiare comodi e graziosi svuotatasche, uno specchio, un porta ombrelli e una sedia o una poltroncina sono quegli arredi che lo renderanno uno spazio comodo e funzionale, aggiungendo dei colori chiari, un tappeto, qualche quadretto, una bella lampada o una candela profumata gli conferiremo l’aspetto di una vera stanza, anche se minuscola e lo renderemo una piccola ed accogliente anteprima della nostra casa.

2-apt-with-lsd-alina-cho-DSC-7381_113734683875-e13490497007325. Super femminile e un pò eccessivo.

Se lo spazio è davvero poco via libera a ripiani in vetro o plexiglass, specchi, ganci e scaffali a giorno invece dei mobili con ante e alle pareti un colore deciso o una fantasia importante.

miranda-interior-06-10246. L’ingresso dell’appartamento di Miranda Hobbes, ovvero come trasformare un angolo in una vera stanza utilizzando solo un tavolino, una lampada ed uno specchio!

Fate i conti con lo spazio che avete deciso di dedicargli e a quali sono gli elementi di arredo che vi farebbe comodo avere a disposizione un attimo prima di uscire o appena rientrate e poi chiedetevi quale sia la sensazione che volete che trasmetta, shakerate il tutto e… buon divertimento!

Image credit  1   2   3   4   5   6

 

 

 туры бали май