Mettitutto: la credenza vintage anni ’50.

Share on FacebookShare on Google+Pin on PinterestTweet about this on Twitter

Da sempre sono attratta dalle cucine anni ’50, accoglienti, a loro modo moderne, avanguardia pura per i tempi: legno verniciato con colori vivaci o pastello, dettagli cromati, formica in tutte le tonalità possibili.

Li trovo mobili gioiosi, come dei giocattoli giganti che facevano sfoggio di se su bellissimi pavimenti a scacchi bianchi e neri.

Tra questi il mio preferito è il “mettitutto”, una piccola credenza degli anni ’50/’60, solitamente in legno.

Amo questi mobili per svariati motivi, il primo è che non ne ho mai visti due uguali nè per forma nè per colore, amo le loro infinite tinte dal pastello alle tinte più pop, non sono mai simmetrici, ognuno ha una irregolarità, un vezzo come uno sportello diverso dagli altri, una vetrina accattivante, uno scomparto o un cassetto in una posizione improbabile.

Li trovo rassicuranti, senza pretese, pronti ad accogliere cibo o stoviglie.

Buffi e aggraziati con i loro colori teneri e zuccherosi e con le tracce degli anni in cui hanno custodito  leccornie di famiglia per generazioni.

Se avessi il posto giusto non avrei dubbi su come usarne uno: sarebbe la postazione perfetta per l’angolo colazione.

Negli sportelli metterei solo cose così buone da farmi alzare col sorriso,  nei cassetti tovagliette che mi diano il buon giorno, sul ripiano la macchina del caffè accanto ad una torta profumata fatta in casa e nella vetrina tazze e tazzine di ogni forma e colore.

il posto ancora non c’è ma… il mettitutto si e le idee anche!

Non mi resta che aspettare che il freddo passi per tirarlo fuori e metterci mano, sempre che riesca a decidermi sul colore…

Sabrina

Un pensiero su “Mettitutto: la credenza vintage anni ’50.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *