Archivio mensile:febbraio 2017

Shopping per l’ufficio, i miei 10 accessori preferiti su Etsy

Fra tutti i mesi dell’anno, credo che Febbraio sia quello perfetto per dare una lucidata alla scrivania, siamo lontani dalla primavera, ancora di più dall’estate, Natale è passato da un pezzo… Si rischia di aver perso un pò di smalto.

Quello che serve è ritrovare slancio ed entusiasmo e circondarsi di cose belle da avere sempre sott’occhio.

Quello che mi piace di Etsy è che si può trovare praticamente ogni oggetto, esattamente nello stile che si desidera.

Nella scelta di questi accessori da scrivania mi sono ispirata ai trend del momento che preferisco: rose gold (rame o oro rosa), minerali, marmo, acrilico e l’immancabile verde menta (il mio colore preferito!).

Cliccando sui nomi dei negozi Etsy sotto ad ogni foto, accederai direttamente alla pagina dell’articolo dove troverai tutte le informazioni.

AnastasiaMarieShop

PaperBerryPress
AirFriend

ClevelandPrintCo

wallandwonder

 

Lunarbaystore

A seguire un set composto da diversi elementi in acrilico e metallo, a scelta tra oro, oro rosa e argento che potrebbe essere un bel pensiero per S. Valentino, o da regalare all’amica che “ha tutto”.

Lunarbaystore

Ti lascio il mio video con piccoli tutorial per realizzare degli accessori da scrivania che ho usato nel mio angolo home office.

Se vuoi scoprire dove scrivo i miei articoli clicca QUI, e fammi sapere se ti piace il mio office sweet office.

 

 

Mettitutto: la credenza vintage anni ’50.

Da sempre sono attratta dalle cucine anni ’50, accoglienti, a loro modo moderne, avanguardia pura per i tempi: legno verniciato con colori vivaci o pastello, dettagli cromati, formica in tutte le tonalità possibili.

Li trovo mobili gioiosi, come dei giocattoli giganti che facevano sfoggio di se su bellissimi pavimenti a scacchi bianchi e neri.

Tra questi il mio preferito è il “mettitutto”, una piccola credenza degli anni ’50/’60, solitamente in legno.

Amo questi mobili per svariati motivi, il primo è che non ne ho mai visti due uguali nè per forma nè per colore, amo le loro infinite tinte dal pastello alle tinte più pop, non sono mai simmetrici, ognuno ha una irregolarità, un vezzo come uno sportello diverso dagli altri, una vetrina accattivante, uno scomparto o un cassetto in una posizione improbabile.

Li trovo rassicuranti, senza pretese, pronti ad accogliere cibo o stoviglie.

Buffi e aggraziati con i loro colori teneri e zuccherosi e con le tracce degli anni in cui hanno custodito  leccornie di famiglia per generazioni.

Se avessi il posto giusto non avrei dubbi su come usarne uno: sarebbe la postazione perfetta per l’angolo colazione.

Negli sportelli metterei solo cose così buone da farmi alzare col sorriso,  nei cassetti tovagliette che mi diano il buon giorno, sul ripiano la macchina del caffè accanto ad una torta profumata fatta in casa e nella vetrina tazze e tazzine di ogni forma e colore.

il posto ancora non c’è ma… il mettitutto si e le idee anche!

Non mi resta che aspettare che il freddo passi per tirarlo fuori e metterci mano, sempre che riesca a decidermi sul colore…

Sabrina

Il magico potere del riordino

“Il magico potere del riordino. Il metodo giapponese che trasforma i vostri spazi e la vostra vita“

Questo il titolo completo del libro di Marie Kondo, giovane donna giapponese esperta di organizzazione e inventrice del metodo Konmari.

marie-kondo-riordino-idecor

puoi acquistarlo su amazon

Ad un primo approccio potrebbe sembrare l’ennesimo libro sul decluttering, ma non è così, alla fine della lettura mi sono resa conto che non è un manuale, ma un vero viaggio introspettivo che pagina dopo pagina ti spoglia del superfluo che c’è nella tua testa aiutandoti a far emergere e valorizzare ciò che è veramente importante.

Kondo-konmari-citazione-riordino-quote-idecor

Alla base del metodo Konmari c’è l’imperativo di sbarazzarsi del superfluo. Questo è il punto più importante, paragrafo dopo paragrafo Marie smonta tutte quelle scuse che ci raccontiamo per non separarci da quegli oggetti che, non solo non ci servono, ma che non ci danno gioia.

Il riordino si deve affrontare in una volta sola seguendo scrupolosamente un ordine preciso scandito da liste di categorie di oggetti di cui occuparsi e dopo aver letto tutto il libro ho capito che altrimenti non funzionerebbe.

Kondo-konmari-citazione-riordino-quote-idecor

Non si riordina per ambienti ma per categorie di oggetti e tutti gli oggetti della stessa categoria devono essere tirati fuori e messi nello stesso posto per fare la cernita di quelli da eliminare.

Molto interessanti le tecniche di piegatura degli abiti e il principio di verticalizzazione degli oggetti che permette di prendere quello che serve senza spostare il resto come succede quando gli oggetti sono impilati.

marie-kondo-riordino-idecor

La rivelazione più importante che ho avuto da questo libro è che è completamente sbagliato chiedersi cosa si possa buttare, l’approccio giusto è chiedersi cosa si desidera tenere, avendo ben chiaro in mente che tipo di persona vogliamo essere e che tipo di vita vogliamo avere. Solo questi oggetti ci rispecchiano veramente, con parole sue “ci danno gioia”, e sono questi gli unici che ci meritiamo di avere intorno.

Avere i piatti “buoni” e avere anche quelli meno buoni e quelli ancora meno buoni avrà un solo triste risultato: passeremo tutta la vita a mangiare in piatti che non ci piacciono!

Vi consiglio di leggere questo libro, sicuramente fa bene alla casa, ma ancora di più alla testa e al cuore e mi ha insegnato una cosa preziosissima: non aspettare domani per usare quello che puoi goderti oggi!

Qui il sito ufficiale del metodo Konmari di Marie Kondo.

Qui il profilo Instagram.

Sabrina